Il Change Manager è una figura professionale che sa riconoscere la necessità di un cambiamento all’interno di un’azienda, è in grado di definirlo e di valutare la capacità di mutare dell’organizzazione stessa.

Grazie all’esperienza come buyer e category manager in ambito food e non food, nel lusso e nel mass market, ho maturato le competenze necessarie a comprendere sia il punto di partenza sia il punto di arrivo di un processo di evoluzione aziendale, e a individuare il percorso migliore per raggiungere l’obiettivo; aver ricoperto ruoli differenti in ambito commerciale, oltre che in fase strategica in contesti multinazionali leader nel mercato di riferimento, insieme alla conoscenza approfondita nel Retail, nel Digital, nell’ e-commerce, mi ha aiutata a riconoscere il metodo più efficace ed efficiente.

Il primo passo del cambiamento è la comprensione che ogni azienda è un mondo a sé, che deve essere compresa fino in fondo, prima di decidere dove e come intervenire. Dopo di ciò, caso per caso, bisogna saper individuare le strategie e gli strumenti più adatti per operare i cambiamenti che si ritengono necessari, tenendo conto del mercato e delle tecnologie esistenti, pianificare i vari passaggi e coinvolgere le persone nell’intero processo gradualmente, ma con un traguardo ben delineato.

In questa prima fase, studio l’azienda dall’interno – i punti di forza e debolezza, le prestazioni di dirigenti e dipendenti… – con l’obiettivo di rendere più efficiente e produttivo ogni processo.

Il mio compito successivo è far capire a tutti i dipendenti perché una riorganizzazione interna sia necessaria, motivando soprattutto chi è più diffidente e restio a interrompere lo stato attuale delle cose e convincendolo ad adeguarsi con rapidità e in maniera strategica al mutamento. Poi metto in atto il cambiamento, focalizzandomi sulle competenze organizzative, manageriali e gestionali di ciascun collaboratore, raggiungendo in questo modo il punto d’arrivo prefissato con l’azienda.

COME

FUNZIONA

Una prima giornata di assessment.

per riconoscere la necessità di un cambiamento e successiva definizione del processo per poi sostenerlo

Una seconda giornata di valutazione.

Dell’abilità e della capacità di cambiare dell’organizzazione e presentazione di strumenti di sviluppo (soprattutto soft skills, strategie di vendita e commerciali).

Coinvolgimento delle persone.

Durante il processo di cambiamento e individuazione di conoscenze, abilità e attitudini adeguate.

Coordinamento.

Dei team coinvolti nelle iniziative di cambiamento e misurazione dell’avanzamento.

MODALITÀ DEGLI INCONTRI

DI PERSONA
IN AZIENDA